Drupal 6 navigazione veloce.
menu principale | colonna di navigazione a sinistra | contenuto principale | colonna di navigazione a destra | piè di pagina

menu principale

contenuto principale

Regolamento

Versione stampabileInvia a un amicoVersione della pagina in PDF

 

Il Liceo Statale "Martin Luther King" di Favara adotta il presente regolamento che deve essere scrupolosamente e responsabilmente osservato da tutte le componenti della Scuola e da quanti hanno rapporti con l'Istituzione scolastica.

ART. 1 - Tutte le componenti scolastiche devono operare nel pieno rispetto delle Leggi vigenti e nell'osservanza scrupolosa delle disposizioni scolastiche, alfine di garantire l'efficienza dei servizi scolastici e l'efficacia di tutti i processi formativi ed educativi.

ART. 2- II Dirigente Scolastico, il Direttore Amministrativo, i Docenti, il Personale ATA, gli Alunni e i loro Genitori devono operare, nelle loro singole sfere di competenza, in armonia, con grande senso del dovere, per favorire processi di insegnamento/apprendimento che producano conoscenze, capacità e competenze di alta qualità' e rispondenti alle finalità formative perseguite dai percorsi di studio degli indirizzi attivati nell'Istituzione Scolastica.

ART. 3 - DOCENTI II docente ha l'obbligo di :

1) proporsi come modello di diligenza, compostezza, correttezza; 2) assicurare un'attività didattica costante e proficua; 3) aggiornare costantemente la sua preparazione; 4) non fumare in Istituto; 5) non usare il telefono cellulare durante le ore di lezione e nelle riunioni collegiali; 6) recarsi in classe almeno cinque minuti prima dell'inizio delle lezioni; 7) giustificare le assenze degli alunni (insegnante della prima ora), comunicare alla presidenza e al coordinatore di classe eventuali irregolarità, abusi; 8) non lasciare mai la classe incustodita; 9) non licenziare gli alunni prima della fine delle lezioni; 10)accompagnare gli alunni, alla fine delle lezioni, sino alle porte di uscita e riportare il registro di classe nella sala dei professori; 11) comunicare con urgenza, all'inizio dell'ora di lezione, al Dirigente scolastico o ai suoi Collaboratori incaricati della sostituzione dei docenti assenti, l'assenza di tutti o quasi gli alunni della classe dove è in servizio; 12) dare comunicazione telefonica,, telegrafica o via fax, entro le ore 8,10, dell'assenza per uno o più giorni facendo seguire, in tempi brevi, idonei documenti giustificativi della stessa; 13) comunicare in tempo eventuali cambi di recapito; 14)richiedere i permessi previsti dal C. C.N.L. almeno tré giorni prima con domanda scritta e allegare la documentazione richiesta; lo) partecipare a tutte le attività contenute nel piano delle attività annuali approvate dal Collegio dei docenti; 16) svolgere l'attività didattica anche in presenza di pochi discenti; 17) esercitare la funzione propria del suo Ufficio nei corsi di integrazione didattica ed educativa deliberati dal Collegio dei docenti o dal Consiglio di classe, da tale dovere può ritenersi esonerato solo per gravi e comprovati motivi suscettibili di verifica fiscale nelle sedi competenti, 18) conoscere e rispettare le norme del C. C.N.L. del personale della scuola, 19) trovarsi in Istituto cinque minuti prima dell'inizio del servizio; 20)restare in sede per tutta la durata del servizio, anche in assenza (immotivata) della classe e, se privi di lavoro, leggere il materiale o visionare le videocassette per l'aggiornamento nella sala della biblioteca ; 21) sostituire i colleghi assenti; • per obbligo di completamento di orario sino a 18 ore settimanali (docente retribuito per orario di cattedra); • per assenza (per qualsiasi motivo) della classe, fino a completamento dell'orario di servizio di giornata; 22) esercitare la funzione di sostituzione con azione didattica e formativa efficace sulla classe; 23) curare la compilazione del giornale di classe e del registro personale, • annotandovi l'attività didattica svolta, le assenze degli alunni, le giustificazioni, i ritardi, le uscite anticipate, gli eventuali provvedimenti disciplinari; 24)ricordare sempre che è personalmente responsabile della incolumità fisica dei propri alunni durante l'orario di lezione e ne risponde in toto in sede amministrativa e penale; 25) ricordare che ritardi, anticipi ed interruzioni rispetto all'orario di servizio o assenze non precedute da comunicazione costituiscono mancanza all'osservanza dei doveri del proprio ufficio e che, pertanto, vanno sanciti secondo norma; 26) prendere visione mediante lettura, qualora sia risultato assente, dei verbali dei Consigli di classe e dei Collegi dei docenti e adempiere alle deliberazioni adottate; 27) vigilare e controllare gli alunni durante lo svolgimento della ricreazione; 28) concedere il permesso di uscire dall'aula all'alunno che ne ha effettivo bisogno solo per recarsi n ei servizi igienici; 29)accompagnare gli alunni negli spostamenti dall'aula alla palestra, ai laboratori a in altre parti, curando personalmente l'ordine e il silenzio; 30)collaborare con tutti gli altri operatori scolastici perché in Istituto vi sia sempre armonia, ordine e igiene; 31)segnalare anche per iscritto eventuali situazioni di pericolo, al Dirigente scolastico e al responsabile della sicurezza; 3 2) prender e visione delle circolari del Dirigente scolastico, firmarle ed assicurarne il rigoroso e completo adempimento.

ART. 4 - ALUNNI Premessa Gli studenti sono chiamati ad essere i protagonisti della vita della Scuola, pertanto devono esercitare un ruolo attivo e responsabile nelle attività didattiche ed educative e nella complessa realtà scolastica, ponendosi in modo propositivo e positivo nella costante ricerca di migliorare la qualità dei processi educativi e formativi. • La classe è una comunità educante in cui alunni, docenti, preside e personale ausiliario (addetto al servizio di pulizia, igienicità e vigilanza dell'aula e dei beni m essa custoditi, del trasferimento degli studenti in aule speciali, di vigilanza sugli alunni che transitano nei corridoi, ali 'ingresso dei servizi igienici, alla igienicità dell' aula e dei servizi connessi) cooperano per la realizzazione degli obiettivi educativi e formativi perseguiti dall'istituzione scolastica. Gli alunni devono assumere sempre comportamenti corretti, basati sempre sul rispetto di sé e degli altri, delle persone e delle cose, sia nei confronti del dirigente scolastico, dei docenti, del personale ATA e dì quanti hanno rapporti con la scuola, sia nei confronti di tutti gli altri studenti. Doveri dello studente Lo studente ha l'obbligo di: 1) essere in Istituto alle ore 8,10 e recarsi subito, al suono della prima campana (ore 8,15) nella propria classe, senza attardarsi nei corridoi o in aule diverse dalla propria; 2) tenere in classe e in tutti i momenti della vita scolastica un comportamento corretto e dignitoso, nel pieno rispetto della personalità dell'insegnante, dei bidelli, dei compagni e propria; 3) partecipare con diligenza all'attività didattica e dedicare allo studio, tramite lo svolgimento dei compiti assegnati dagli insegnanti, un tempo sufficiente per l'assimilazione dei contenuti disciplinari; 4) rispettare se stesso e gli altri, muoversi sempre con compostezza e dignità, curare la pulizia e l'igiene personale, non degradare l'ambiente scolastico, non imbrattare porte, pareti, pavimenti, sedie, banchi, carte murali; 5) chiedere di uscire dall'aula uno alla volta, cercando di intrattenersi in bagno per il tempo strettamente necessario; 6) non fumare in Istituto; 7) recarsi ordinatamente ed in silenzio, con i compagni di classe, sia in palestra che nei laboratori; 8) non sostare nei corridoi durante le ore di lezione; 9) non uscire dall'aula nel cambio d'insegnante; 10)rivolgersi sempre con correttezza ed educazione ai compagni e a tutto il personale della scuola; . 11) partecipare sempre alle riunioni degli organi collegiali nei quali è stato eletto; 12) eleggere, quali rappresentanti negli organi collegiali, i compagni che meglio si propongono (per intelligenza, correttezza, serietà) a far da tramite fra gli studenti, il Dirigente scolastico, i docenti e il personale ATA, interpretando legittime istanze collettive; 13)utilizzare i sussidi didattici e i supporti tecnici senza manometterli, rispettando le indicazioni d'uso dei docenti e dei tecnici dei laboratori; 14) rivolgersi sempre con correttezza ed educazione ai compagni e a tutto il personale della scuola; 15) nel corso di visite guidate e viaggi di istruzione tenere sempre un comportamento corretto e dignitoso sia con i docenti accompagnatori e i compagni, sia con tutte le persone incontrate, rispettando sempre persone e cose; 16) non assentarsi arbitrariamente: l'assenza arbitraria viene sanzionata con ammonizione e, successivamente con esclusione, e con l'obbligo di essere accompagnati da un genitore, anche se maggiorenni; 17)rispettare le cose proprie ed altrui, non sottrarre mai libri, quaderni penne o altro ai compagni di classe e di scuola; 18)uscire dalle aule, al termine delle lezioni, con gradualità, correttezza ed in silenzio, secondo le personali indicazioni dell'insegnante dell'ultima ora, cui è fatto obbligo di accompagnare la classe fino alla porta di uscita.

DANNI PROVOCATI DAGLI ALUNNI I danni provocati dagli alunni all'arredamento e alla struttura scolastica saranno risarciti da coloro che li hanno provocati o dalle classi che, nella logica democratica e della difesa dei beni comuni, non abbiano saputo isolare i responsabili di atti di vandalismo, di distruzione e di danneggiamento di cose appartenenti alla collettività. Le spese per la riparazione o l'acquisto dei beni danneggiati saranno a carico delle famiglie degli alunni responsabili o frequentanti le classi interessate.

DANNI PROVOCATI INTENZIONALMENTE Tutti i guasti e i danni, che gli alunni arrecano volontariamente alle suppellettili,alle porte, agli ambienti e alla struttura muraria verranno addebitati alle rispettive famiglie per le vie ufficiali, con procedura ufficiale; analogamente si procede per gli studenti maggiorenni; I danni provocati dagli alunni, qualora non si individui il responsabile, saranno risarciti dagli studenti (e per essi dalle famiglie) appartenenti alle classi interessate; I danni provocati dagli alunni all'arredamento e alla struttura scolastica saranno risarciti da coloro che li hanno provocati o dalle classi che, nella logica democratica e della difesa dei beni. comuni, non abbiano saputo isolare i responsabili di atti di vandalismo, di distruzione e di danneggiamento di cose appartenenti alla collettività. Le spese per la riparazione o l'acquisto dei beni danneggiati saranno a carico delle famiglie degli alunni responsabili o frequentanti le classi interessate.

ACCESSO IN PRESIDENZA • L'accesso alla Presidenza è consentito in orario non coincidente con l'orario delle lezioni (dalle ore 8,00 alle ore 8,25) e al termine delle lezioni, a meno che non si tratti di problema urgente. PERMESSI • I permessi di ammissione per ritardo sono concessi dal docente della prima ora che li annota nel giornale di classe; gli abusi vanno segnalati alla presidenza e al coordinatore di classe per gli opportuni provvedimenti; • I permessi di uscita anticipata vanno richiesti alla presidenza entro le ore 8,30 e saranno concessi direttamente dal Preside o dal vicario solo per gravi, urgenti e documentati motivi. Le richieste devono essere sottoscritte da un genitore o da chi esercita la patria potestà. Possono essere richiesti non più di due permessi per quadrimestre.

Art. 5 : Regolamento applicativo del limite delle assenze

                                                                                                                                                   Il Consiglio di Istituto


colonna sinistra

colonna destra

piè di pagina