Drupal 6 navigazione veloce.
menu principale | colonna di navigazione a sinistra | contenuto principale | colonna di navigazione a destra | piè di pagina

menu principale

contenuto principale

Storia

Versione stampabileInvia a un amicoVersione della pagina in PDF

Agli inizi degli anni sessanta erano numerosi gli studenti favaresi che si iscrivevano all'Istituto Magistrale "R.Politi" di Agrigento per approdare all'insegnamento nelle scuole elementari.

Per venire incontro alle esigenze dei numerosi alunni di Favara che frequentavano l'Istituto di Agrigento, fu la preside di quel tempo, prof.ssa Margherita Cottalorda, definita "favarese d'hoc", che affidò ad Angelo La Russa, docente dell'istituto e Vice-sindaco di Favara, di attivare le procedure per l'apertura di una sezione staccata a Favara, comune del costituzionalista Gaspare Ambrosini. L'autorizzazione arrivò nel mese di Dicembre 1964,con decorrenza 1 ottobre dello stesso anno.
La sezione staccata iniziò la prima attività didattica nei locali civici dei Padri Vocazionisti.
Da un corso completo si passò, in poco tempo, a due corsi. Motivi economici e richieste di nuovi spazi spinsero l'Amministrazione Comunale a cercare nuovi locali che vennero individuati in un palazzo di civile abitazione in Via E. La Loggia.
Aule non adeguate e carenti igienicamente, corridoi al buio, mancanza di palestra hanno accompagnato lo studio a più di una generazione d'alunni.
Nell'anno 1 967/1968 il Magistrale di Favara diventa autonomo.
Con delibera consiliare N° 57 del 30 novembre 1968, il Comune di Favara affida l'incarico di predisporre un progetto di costruzione; con delibera N° 61 viene richiesto il finanziamento allo Stato.
Complesse vicende politiche e la mancanza del P.R.G. di fabbricazione non permettono la realizzazione dell'edificio in tempi brevi. Nel 1985 il civico consesso, approva l'area dove edificare la struttura scolastica.

Proteste civili, marce e cortei spingono i responsabili a intervenire per attivare l'iter per la costruzione.
Nell'anno scolastico 1993/1994 per rispondere ai bisogni educativi e formativi sempre più pressanti del territorio, l'Istituto attiva l'indirizzo sperimentale
Socio-psico-pedagogico e nell'anno scolastico 1997/1998 l'indirizzo scientifico sperimentale,adottando i progetti "Brocca".
Intanto,per porre fine ai disagi e dare locali dignitosi agli studenti e agli operatori scolastici, si mobilitano tutte le forze politiche che riescono a fare approvare il progetto in tempi utili per non perdere i finanziamenti della Cassa Depositi e Prestiti .
Nel giro di due anni dalla consegna dei lavori, l'edificio viene realizzato e nei primi giorni del mese di settembre del 1999,viene consegnato tutte le componenti della scuola operarno immediatamente per renderlo accogliente e fruibile.
Il 16 dicembre 1999 ,il nuovo edificio viene inaugurato alla presenza delle massime autorità siciliane e con la partecipazione di studenti,genitori,docenti,personale ata,dirigenti delle scuole dell'intera provincia e di cittadini,sacerdoti e rappresentanti di Enti e associazione varie.
Il "Martin Luther King",pur dovendo affrontare da alcuni anni problemi seri per trovare locali dignitosi,idonei ad ospitare le classi che non trovano posto negli ambienti dell'edificio di viale P.Nenni,assicura all'utenza scolastica il raggiungimento degli obbiettivi formativi proposti,anche perchè è aperto alle innovazioni didattiche e tecnologiche e viene scelto,spesso,dai responsabili dell'istruzione per organizzare corsi di formazione per docenti dei vari ordini di scuola e per diffondere l'utilizzo didattico delle Tecnologie della Informazione e della comunicazione(TIC).

Dal 1967 alla direzione del "Martin Luther King" si sono succeduti i seguenti presidi:Antonio Lauricella,Raimonda Scifo,Gaetano Sanfilippo,Giuseppe Patti,Calogero Virone,Carmelo Pecoraro,Giuseppe Salamone,Salvatore Pirrera


colonna sinistra

colonna destra

piè di pagina